Tu sei qui

Aggregatore di feed

Diplomati magistrali, si va verso una buona soluzione

News sindacali 1 - 1 ora 6 min fa

Roma, 17 ottobre - Si profila una conclusione soddisfacente del confronto sui diplomati magistrali, che verrebbero mantenuti in servizio, salvaguardando così la continuità didattica ad anno scolastico avviato...

Diplomati magistrali, si va verso una buona soluzione. Comunicato unitario

News sindacali 2 - 1 ora 26 min fa
Si profila una conclusione soddisfacente del confronto sui diplomati magistrali, che verrebbero mantenuti in servizio, salvaguardando così la continuità didattica ad anno scolastico avviato, tutelando nel contempo gli aventi titolo alla nomina in ruolo. Prevista per domani mattina, venerdì 18 ottobre, la sottoscrizione di un'intesa in tal senso fra organizzazioni sindacali e MIUR. Roma, 17 ottobre 2019 FLC CGIL    
CISL SCUOLA    
UIL SCUOLA RUA      
SNALS CONFSAL    
GILDA UNAMS

Quell’eleganza nel gesto di Mattarella. una mano alzata per dire stop al monologo

News sindacali 2 - 8 ore 25 min fa
C’è un gesto classico dell’aplomb palermitano di un tempo, quel mondo colto e riservato che data dal Circolo Matematico di Giovanni Guccia, a Lampedusa e Sciascia, fino al fotografo Enzo Sellerio, che il grande critico americano Harold Bloom, appena scomparso, considerava “il maggior intellettuale d’Italia”. È un modo cortese di alzare appena la mano, per intervenire in una accesa conversazione, rimarcando che non si vuol interrompere nessuno, ma che il proprio turno è arrivato. Ieri, con quel gesto cortese e sicuro, il presidente italiano Sergio Mattarella è riuscito nell’impresa che ha visto fallire tanti altri leader internazionali, inserirsi nel monologo serrato del presidente americano Donald Trump, senza irritarlo, senza creare incidenti diplomatici ma, al tempo stesso, senza cedere di un passo.
Trump è maestro della comunicazione “fisica”, al dibattito per la Casa Bianca 2016 si piazzò alle spalle della candidata democratica Hillary Clinton, dietro il podio, incombendole addosso in diretta. Con il presidente francese Macron si esibì in una stretta di mano stile braccio di ferro, strattonando in alto e basso il più minuto statista francese. Con Mattarella Trump sembrava tornare invece ai giorni del liceo militare, la New York Military Academy dove il temuto padre Fred lo spedì in punizione all’ennesima bravata: i compagni lo ricordano in riga, intimidito dai superiori, forse la sola volta nella vita.
Ai primi del mese, nello Studio Ovale, Trump non lasciò fiatare il presidente finlandese Sauli Niinistö, trattandolo da comparsa. In una Washington spazzata, oltre alla pioggia, dal vento dell’impeachment con cui i democratici intendono lavorarlo ai fianchi e dall’eco della guerra in Siria, con Putin ad occupare antichi bastioni strategici Usa, il presidente ha sì ribadito le sue posizioni, Nato, dazi, Europa, ma senza perdere tocco diplomatico e trattando l’ospite con pieno onore. Il nostro presidente e il leader del partito repubblicano Usa non potrebbero essere più diversi, per storia, cultura, personalità. Dalla nomina alla Corte Costituzionale, 2011, all’elezione al Quirinale, 2015, non si ricordano prese di posizione di Mattarella da strillo di prima pagina, solo qualche incontro discreto con gli studenti. Trump, da imprenditore e da politico, andrebbe volentieri in onda ogni sera, usando i social media, twitter su tutti, con foga e sagacia.
La politica ieri ha segnato i suoi confini, come di rigore. Il presidente Usa ha tenuto duro sui dazi, sulle spese maggiori per la Nato che richiede -non senza ragione- invano agli europei, sull’unilateralismo nelle relazioni internazionali, da Airbus agli F 35, dal Medio Oriente alla Russia, cardini del suo discorso alle Nazioni Unite a settembre e della sua politica estera fino alle elezioni 2020. Mattarella, entrato in gioco con il gesto della mano, ha replicato richiamando la necessità di non disperdere il metodo del dialogo e della trattativa tra pari che tanto ha unito l’Atlantico nel dopoguerra, respingendo l’uso delle tariffe come cannoniere economiche e ricordando che l’Italia è, da decenni, in prima fila, con impegno politico e tributo copioso di sangue, di morti e feriti militari e civili, nelle operazioni di pace sul pianeta.
Ciascuno dei due leader ha difeso con puntiglio il proprio spazio, ma qui Mattarella ha colpito per l’autorevolezza saggia con cui ha saputo parlare non solo a nome dell’Italia, ma dell’Europa, degli alleati e delle persone di buona volontà ovunque, anche negli Stati Uniti. La “dottrina Mattarella” è apparsa il comune impegno a resistere all’intolleranza, alla prepotenza, al nazionalismo primitivo e, magari solo per un attimo, lo stesso Trump è sembrato quasi tentato di ascoltare, dicendo che comunque sui dazi proverà a rinegoziare con noi, per poi essere reinghiottito dal vortice che squassa il suo grande paese. Dal compassato presidente italiano, al nostro paese e al mondo, è venuta ieri la bella lezione di un’Italia autorevole e che sa farsi ammirare.

Comunicazione pubblica: Progetto culturale internazionale “Peer memorial guides”

News USR Emilia Romagna - Mer, 16/10/2019 - 18:07

In allegato la comunicazione pubblica relativa all’avvio del progetto culturale internazionale “Peer memoria Guides”, promosso dall’Assemblea legislativa della regione Emilia Romagna in collaborazione con Anne Frank Verein, sede austriaca della Fondazione Anne Frank House di Amsterdam, la cui prima tappa si svolgerà presso il ​Liceo artistico statale Gaetano Chierici di Reggio Emilia.

Allegati

L'articolo Comunicazione pubblica: Progetto culturale internazionale “Peer memorial guides” proviene da Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna.

Siria: fermare il massacro con ogni strumento. La FLC CGIL scrive ai vertici dell’ETUCE

News sindacali 1 - Mer, 16/10/2019 - 17:54

Roma, 16 ottobre - Con una lettera indirizzata ai vertici dell’ETUCE, il Comitato Sindacale Europeo dell’Educazione, la FLC CGIL invita le organizzazioni aderenti al Comitato a esprimere una posizione di netta condanna della grave...

Nessuna discriminazione a danno dei docenti della paritaria, soluzioni diverse per situazioni diverse

News sindacali 2 - Mer, 16/10/2019 - 17:00
Nessuna discriminazione a danno dei docenti della paritaria: l’intesa fra MIUR e sindacati, e le conseguenti misure di carattere legislativo, devono tener conto, in modo necessariamente articolato, delle diverse fattispecie cui sono riconducibili i destinatari dei provvedimenti in cantiere.
È fuori discussione che i percorsi abilitanti destinati in modo specifico a chi vanta una consistente esperienza lavorativa riguarderanno anche chi lavora nella scuola non statale, sia a tempo determinato che indeterminato; ferma restando, ovviamente, la possibilità, per tutti, di partecipare al concorso ordinario e di conseguire per tale via l’abilitazione, se non posseduta.
Diverso è il caso del concorso straordinario, finalizzato a stabilizzare il rapporto di lavoro di chi è in servizio da anni come supplente nella scuola statale. Si tratta di una procedura necessariamente circoscritta a questa tipologia di destinatari, vale a dire personale già operante alle dipendenze dello Stato, sia pure precariamente.
Si ripete in sostanza quanto avvenuto lo scorso anno con i concorsi straordinari per la scuola primaria e quella dell’infanzia: anche in quel caso ci furono rivendicazioni sfociate in azioni di contenzioso legale, che tuttavia non hanno avuto successo, a dimostrazione della legittimità dei provvedimenti impugnati. Per noi, la conferma di non aver compiuto scelte ingiustamente discriminanti, ma di aver tenuto ragionevolmente conto delle peculiarità di situazioni diverse, come lo sono fra l’altro le modalità di assunzione seguite nei due settori della scuola statale e non statale.
Le ragioni dei docenti della paritaria sono ben presenti alla CISL Scuola, che si è sempre fatta carico con determinazione di una loro efficace rappresentanza e che anche in questa occasione ha rivendicato per essi il diritto di accedere a percorsi formativi ai fini abilitanti, alternativi ai concorsi ordinari, onde poter acquisire il titolo previsto dalla legge 62/2000, mettendo i lavoratori interessati al riparo da rischi di licenziamento e nello stesso tempo evitando agli Enti Gestori il pericolo di perdere il riconoscimento della condizione di parità.

A differenza di quanto prevedeva lo schema di decreto legge approvato “salvo intese” (e mai approdato in G. U.) dal precedente Governo, le misure riguardanti i percorsi di abilitazione non rientrano nel decreto legge di cui si auspica l’emanazione in tempi brevi, ma sono demandate a un disegno di legge collegato alla finanziaria; una soluzione scaturita da un irrigidimento della parte governativa che si è rivelato ostacolo insormontabile nel corso della trattativa. Va detto peraltro che anche nella versione precedente (decreto Bussetti), il concorso straordinario avrebbe riguardato unicamente i dipendenti della scuola statale.
Le questioni riguardanti reclutamento e precariato sono per loro natura complesse, investendo un ampio ventaglio di aspettative e interessi rispetto ai quali è sempre difficile, e talvolta impossibile, individuare punti di equilibrio che soddisfino tutti, essendo d'altra parte pressoché incolmabile il divario che si registra nella scuola fra domanda e offerta di lavoro. È una situazione nella quale si è spesso portati a mettere l’accento più sulle attese insoddisfatte che sui concreti passi in avanti, resi possibili dall’azione sindacale, verso obiettivi di evidente interesse generale. Tali sono, ad esempio, la riduzione dell’area di precarietà in direzione di un prevalere dei rapporti di lavoro stabile, o un’adeguata valorizzazione dell’esperienza professionale acquisita sul campo nel momento in cui si attivano procedure di reclutamento.
Questi gli obiettivi perseguiti con l’intesa del 1° ottobre, per la cui puntuale, completa e coerente attuazione prosegue l’impegno forte e determinato della CISL Scuola. Roma, 16 ottobre 2019 Maddalena Gissi, segretaria generale CISL Scuola

Diplomati magistrali: prosegue il confronto al MIUR. Tavolo aggiornato al 17 ottobre

News sindacali 2 - Mer, 16/10/2019 - 12:06
Sul tema delle possibili soluzioni rispetto alla proroga delle misure contenute nel Decreto dignità a tutela della continuità didattica il confronto con l’Amministrazione, dopo l'incontro che si è appena concluso, proseguirà domani, 17 ottobre, e il tavolo con ogni probabilità sarà riconvocato per le ore 11.00.
Si tratta di trovare delle soluzioni che vadano nella direzione di tutelare tutti i diversi lavoratori coinvolti. Per questo motivo il MIUR valuterà le varie proposte prese in esame e incontrerà nuovamente le organizzazioni sindacali domani in mattinata.
I sindacati hanno ribadito la grande urgenza di una misura a tutela della continuità didattica, che verrebbe compromessa dai pronunciamenti in arrivo in corso d’anno, con il conseguente avvicendamento di insegnanti sulle cattedre, anche nei casi di sostegno, in cui famiglie e alunni coinvolti pagherebbero un prezzo inaccettabile. Roma, 16 ottobre 2019

Percorso didattico-educativo “A scuola di antimafia nel nome di Peppino”

News USR Emilia Romagna - Mer, 16/10/2019 - 11:41

Con nota prot. 4501 del 15 ottobre 2019 allegata, il MIUR presenta il percorso didattico in oggetto, promosso dall’Associazione Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato Onlus: laboratori, incontri e concorsi rivolti alle scuole di ogni ordine e grado per condividere una riflessione sull’impegno civile.

Allegati

L'articolo Percorso didattico-educativo “A scuola di antimafia nel nome di Peppino” proviene da Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna.

Formazione regionale sulla metodologia PBL per docenti del 2° ciclo

News USR Emilia Romagna - Mer, 16/10/2019 - 10:34

Si avvisa che la scuola polo formazione Liceo delle Scienze Umane ” Albertina Sanvitale ”  Parma (PR)  ha aperto le iscrizioni per l’individuazione di 66 docenti  del  2° ciclo (22 dai licei, 22 dagli istituti tecnici, 22 dagli istituti professionali)  per un corso di formazione regionale  sulla metodologi a PBL – project based learning, coordinato dal prof. E. Zecchi (avviso n. 64 –link).

Termine iscrizioni 28 OTTOBRE 2019. 

L'articolo Formazione regionale sulla metodologia PBL per docenti del 2° ciclo proviene da Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna.

Stipendi degli insegnanti: i dati di Eurydice confermano la gravità della situazione

News sindacali 1 - Mer, 16/10/2019 - 09:12

I dati relativi alle retribuzioni degli insegnanti italiani ed europei pubblicati di recente da

P.I. USR ER-GRUPPO HERA-Piano Attuativo 19/20-Invito GRUPPO HERA

News USR Emilia Romagna - Mer, 16/10/2019 - 09:01

Presentazione manifestazioni d’interesse entro l’8 novembre 2019 ore 13.00. .

Si pubblica il Piano Attuativo inerente i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento realizzabili con il Gruppo HERA nel corrente a.s. 2019/2020, unitamente ai relativi allegati e all’Avviso del Gruppo suindicato a presentare manifestazione d’interesse.

In relazione agli ambiti provinciali in cui sono ubicate le sedi operative del Gruppo Hera (Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Ravenna e Rimini) ed agli indirizzi di studio/articolazioni/opzioni previsti per le specifiche disponibilità di cui all’Allegato 1 del Piano suindicato e dell’Invito del Gruppo Hera, sono 80 i percorsi individuali, rivolti a studenti della/e classe/i 3^ e 4^, con priorità per quelli delle classi 4^, per i quali è le Istituzioni Scolastiche con gli indirizzi di studio previsti e di seguito riepilogati per ambiti provinciali possono manifestare interesse per la realizzazione dei percorsi nel corrente anno scolastico:

AMBITO PROVINCIALEISTITUZIONI SCOLASTICHE (INDIRIZZI/ARTICOLAZIONI/OPZIONI) BolognaISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali
SETTORE TECNOLOGICO
Chimica e materiali, Costruzione ambiente e territorio, Elettrotecnica, Informatica e telecomunicazioni
LICEI:
Classici, Scientifici, delle Scienze umane e delle Scienze umane opzione Economico-Sociale FerraraISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing
ISTITUTI PROFESSIONALI:
SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO
Manutenzione e assistenza tecnica Forlì-CesenaISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali
SETTORE TECNOLOGICO
Costruzione ambiente e territorio, Elettronica/Elettrotecnica, Energia ModenaISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali
SETTORE TECNOLOGICO
Costruzione ambiente e territorio, Elettrotecnica, Energia
ISTITUTI PROFESSIONALI:
SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO
Manutenzione e assistenza tecnica RavennaISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali
SETTORE TECNOLOGICO
Costruzione ambiente e territorio, Elettrotecnica RiminiISTITUTI TECNICI:
SETTORE ECONOMICO
Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali
SETTORE TECNOLOGICO
Chimica e materiali, Costruzione ambiente e territorio, Elettrotecnica

Per il dettaglio delle disponibilità, tempistica di realizzazione ( durante le attività didattiche / durante il periodo estivo di sospensione delle attività didattiche) ed ogni ulteriore caratteristica dei singoli percorsi, si rimanda ad una attenta lettura delle specifiche di cui all’Allegato 1 del Piano Attuativo 2019-2020 e dell’Invito del Gruppo Hera e dei documenti stessi.

Le scuole interessate possono inviare candidature al Gruppo Hera, tramite compilazione e inoltro dell’Allegato 2, entro le ore 13,00 dell’8 novembre 2019 a mezzo posta elettronica all’indirizzo: alternanza@gruppohera.it.

Le informazioni relative alla manifestazione di interesse possono essere richieste contattando il Gruppo Hera al medesimo indirizzo di posta elettronica alternanza@gruppohera.it .

Allegati

L'articolo P.I. USR ER-GRUPPO HERA-Piano Attuativo 19/20-Invito GRUPPO HERA proviene da Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna.

Concorso ordinario e straordinario della secondaria: ecco che cosa cambia con il decreto precari

News sindacali 1 - Mar, 15/10/2019 - 18:23

Il decreto precari varato dal Consiglio dei Ministri il 10 ottobre 2019 ha introdotto il concorso straordinario per la scuola secondaria...

Autonomia differenziata, bene il ministro Boccia: tenere fuori la scuola

News sindacali 1 - Mar, 15/10/2019 - 17:28
Roma, 15 ottobre - Il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, ha dichiarato, a proposito di autonomia differenziata in materia di istruzione, che la scuola non è oggetto di negoziato con le Regioni.

Responsabilità in materia di sicurezza nelle scuole: sono i dirigenti scolastici a pagare il prezzo più alto

News sindacali 1 - Mar, 15/10/2019 - 17:25

È notizia di questi giorni che la dirigente scolastica di un istituto di Sapri (SA), già condannata in Cassazione per le gravi lesioni riportate da uno studente precipitato da un lucernaio, a seguito della condanna è stata anche...

Più risorse per scuola, università, ricerca e AFAM. Piano pluriennale di investimenti e un Contratto dignitoso per il personale

News sindacali 1 - Mar, 15/10/2019 - 17:06

Roma, 15 ottobre – Al di là della discutibile definizione dei nostri studenti come futuro “capitale umano” – che “capitale” non è dovendo la scuola formare cittadini colti e competenti in grado di...

Insegnanti precari di religione cattolica: chiesto un incontro al MIUR per definire una soluzione

News sindacali 1 - Mar, 15/10/2019 - 16:27

L'11 ottobre 2019 abbiamo inviato, insieme a Cisl Scuola, UIL Rua e Gilda Unams una richiesta di incontro al Capo di Gabinetto del MIUR, Luigi Fiorentino, per riprendere il confronto su una procedura di stabilizzazione...

Concorso: S.F.I.D.E – School (of) Food, Innovation, Digital (and) Environment

News USR Emilia Romagna - Mar, 15/10/2019 - 13:57

Si rende nota la comunicazione relativa al concorso in oggetto, patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale e dalla Regione Emilia-Romagna, rivolto alle scuole secondarie di secondo grado della regione. L’iniziativa mira a sensibilizzare i ragazzi su temi attuali e delicati nella fase dell’adolescenza: l’alimentazione, la sostenibilità ambientale, il legame con il territorio e l’uso consapevole e virtuoso dei social network.

In allegato i regolamenti per la partecipazione al concorso.

Allegati

L'articolo Concorso: S.F.I.D.E – School (of) Food, Innovation, Digital (and) Environment proviene da Ufficio scolastico regionale per l'Emilia-Romagna.

Pagine

Abbonamento a Istituto Comprensivo Castelnovo di Sotto aggregatore

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.