Tu sei qui

BES - DSA

Disturbi specifici di apprendimento:

In ottemperanza alla legislazione vigente (L.59/97 art. 21; DPR 275/99; Nota ministeriale 26 A/4 del 05/01/2005, Nota ministeriale 4674 del 10/05/2007, Nota prot. n.13925 del 04/09/2007, Nota prot.n N.1425 del 03/02/2009 ),CM n°48/2012; L 170/2010, nota MIUR n°5744/2009, DPR 122/2009,  Legge regionale n°179/ 2010 , al fine di facilitare il percorso scolastico dell’alunno con DSA e di predisporre le condizioni ottimali che ne favoriscano il successo formativo, l’Istituto Comprensivo di Castelnovo Sotto (RE) è impegnato nei seguenti ambiti:

-   elaborazione da parte dei Consigli di Classe del Piano Didattico Personalizzato (PDP) relativo agli alunni con diagnosi/segnalazione per DSA, piano condiviso da docenti e famiglie degli alunni sia in sede di elaborazione che di verifica in itinere;

-   incontri periodici dei docenti con il personale specializzato del Servizio di Neuropsichiatria Infantile e logopedisti della riabilitazione, con particolare attenzione ai momenti critici rappresentati dal passaggio tra i vari ordini di scuola;

-    aggiornamento costante del docente referente e di docenti di scuola primaria e secondaria attraverso la partecipazione a iniziative ministeriali di formazione sul tema;

-     attuazione presso il nostro istituto di singoli incontri e di corsi di aggiornamento rivolti a genitori e docenti, realizzati grazie alla preziosa e capace collaborazione di AID, AGE  e Comitato Genitori della  nostra istituzione;

-      partecipazione della nostra istituzione scolastica al progetto “Un credito di Fiducia”, progetto che ha lo scopo di offrire risposte concrete alle difficoltà principali che gli alunni con DSA possono incontrare nell’acquisizione delle strumentalità di base (lingua, matematica, lingua straniera), facendo crescere le istituzioni coinvolte in un’ottica di cooperazione e assunzione di responsabilità e di impegni diretti.

 

L’espressione “Bisogni Educativi Speciali” (BES) è entrata nel vasto uso in Italia dopo l’emanazione della Direttiva ministeriale del 27 dicembre 2012 “Strumenti di intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica“.

La Direttiva stessa ne precisa succintamente il significato: “L’area dello svantaggio scolastico è molto più ampia di quella riferibile esplicitamente alla presenza di deficit.

In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse”.
L’utilizzo dell’acronimo BES sta quindi ad indicare una vasta area di alunni per i quali il principio della personalizzazione dell’insegnamento, sancito dalla Legge 53/2003, va applicato con particolari accentuazioni in quanto a peculiarità, intensività e durata delle modificazioni.

 

MODULISTICA:

 

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.