Tu sei qui

Prevenzione bullismo - cyberbullismo

Bullismo

Per bullismo si intende “L’insieme dei comportamenti offensivi e/o aggressivi che un singolo individuo o più persone in gruppo mettono in atto, ripetutamente, nel corso del tempo, ai danni di una o più persone con lo scopo di esercitare un potere o un dominio sulla vittima” (Fonzi 1997).  E’ caratterizzato da certe forme di abuso con le quali una persona tenta di esercitare un potere su un’altra persona (Linee guida del Consiglio d’Europa 18 novembre 2009).

Può manifestarsi con l’uso di soprannomi offensivi, di insulti verbali o scritti, escludendo la vittima da certe attività o forme di vita sociale, con aggressioni fisiche o angherie.

Si configura come fenomeno sociale estremamente complesso, riconducibile sia alla condotta dei singoli che di quella del gruppo dei pari quando sono presenti le seguenti caratteristiche:

Asimmetria di potere: squilibrio di potere tra chi compie l’azione e chi la subisce
Ripetizione nel tempo: i comportamenti aggressivi sono ripetuti nel tempo e non isolati
Intenzionalità: l’aggressività del bullo è pro-attiva e intenzionale, non reattiva

Esistono due forme di bullismo:

- Bullismo diretto, in cui sono evidenti le prepotenze fisiche e/o verbali
- Bullismo indiretto, in cui il bullo (e l’eventuale gruppo di seguaci) non affronta direttamente la vittima, ma agisce diffondendo dicerie sul conto della stessa, escludendo dal gruppo dei   pari (da feste, luoghi di aggregazione) diffondendo calunnie e pettegolezzi, isolando quindi socialmente

Gli atti di bullismo possono essere di varia natura:

Fisico: atti aggressivi diretti (calci, pugni, ecc.) danneggiamento di cose altrui, furto intenzionale
Verbale: manifesto (deridere, umiliare, svalutare, criticare, accusare, ecc.) o nascosto (diffondere voci false o offensive su un compagno, provocarlo, ecc.)
Relazionale: sociale (escludere da attività di gruppo, cyberbullismo, ecc.) manipolativo (rompere i rapporti di amicizia di cui gode la vittima)

Cyberbullismo

Per cyberbullismo si intende “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d'identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo” (legge 71, 29 maggio 2017).

E’ caratterizzato da alcuni elementi:

Squilibrio di potere: il mezzo elettronico non necessita di forza fisica o della sopraffazione psicologica della vittima; nel mondo virtuale lo sbilanciamento di potere è determinato dalla maggiore competenza nell’uso delle nuove tecnologie del cyberbullo.

Anonimato: l’aggressore sfrutta l’anonimato per attaccare direttamente la vittima verso la quale non è più necessaria la ripetizione nel tempo, poiché l’effetto valanga offerto dalle nuove tecnologie può scatenare potenziali danni alle vittime anche senza la sua reiterazione nel tempo.

 



Il nostro Istituto promuove iniziative svolte in sinergia con le realtà associative ed istituzionali presenti sul territorio, mediante l'attivazione di percorsi educativi e formativi volti ad assicurare l'acquisizione e lo sviluppo di competenze trasversali, sociali e civiche, che rientrano nel più ampio concetto di Educazione alla Cittadinanza, con particolare riferimento all' art.3 della nostra Costituzione

NORMATIVA - LINEE GUIDA

Linee guida nazionali di Educazione al Rispetto (ottobre 2017)

Documento di indirizzo di Cittadinanza e Costituzione (marzo 2009)

 

Cyberbullismo:

APP Senza paura - Liberi dal bullismo

Riflessioni social...con le mani in rete (pubblicazione USR, Tecnodid ed., giugno 2018)

Linee di orientamento per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo (ottobre 2017)

Legge 71/2017 Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo (maggio 2017) - "Slides"

Protocollo d'Intesa per le scuole sull'uso consapevole delle nuove tecnologie da parte dei giovani e sulla prevenzione del cyberbullismo (E.R. ottobre 2016)

Dichiarazione dei diritti in Internet (28 luglio 2015)

Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo (aprile 2015)

Codice di autoregolamentazione per la prevenzione e il contrasto del cyberbullismo (2013)

Direttiva Ministeriale n. 16 - Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione e la lotta al bullismo (5 febbraio 2007)

 

LE ATTIVITA' PROGETTUALI PROMOSSE DAL NOSTRO ISTITUTO

- Progetti di educazione al rispetto e alle emozioni (promozione delle abilità sociali, educazione all'affettività, educazione sessuale) dalla classe quinta di scuola primaria alla classe terza della secondaria di primo grado)

- Safer Internet Day: guida all'uso consapevole del web e dei social network" rivolto alle classi prime della secondaria di primo grado con la collaborazione della Polizia Postale e delle Telecomunicazioni di Reggio Emilia e di Mario Scarapellini, comm.Polizia Postale in quiescenza. La collaborazione con il sig. Scarapellini e la Polizia postale di Reggio Emilia e è giunta al suo decimo anno di attività nel corrente a.s. (2017-2018).

- Speriment-Azione. No Cyber bullismo: percorso di formazione organizzato dal CTS di Reggio Emilia, svolto in collaborazione con il Dipartimento di psicologia dell'Università degli Studi di Bologna

- Crescere consumatori digitali: in collaborazione con CoopAlleanza (classi prime o seconde), con interventi in classe dell'esperto Antonio Soda - Cooperativa Accento RE

Di fondamentale importanza, per la gestione di eventuali problematiche relazionali, lo Sportello di consulenza psicologica gestito dalla psicologa dott.ssa M.Teresa Faccin - Associazione Pro.di.gio

 

MATERIALI - SITI

Generazioni connesse - Kids

Generazioni connesse - Teens

Generazioni connesse - Docenti

Parole Ostili

Mai più bullismo

Stop al bullismo

La scuola a prova di privacy - Vademecum a cura del garante per la protezione dei dati personali

"NOISIAMOPARI" - il portale delle Pari Opportunità

Generazioni Connesse - Safer Internet Centre

iGloss@1.1

iGlossa.org

http://www.stop-it.it/

Cyberbullismo - Ufficio scolastico Regionale per l'Emilia Romagna

Polizia Postale e delle Telecomunicazioni

Buone notizie a scuola - raccolta di buone pratiche

“JAMS”, la prima serie TV italiana dedicata al tema delle molestie sui minori

SAFER INTERNET DAY

Il Safer Internet Day (SID)è la Giornata internazionale della navigazione sicura in rete. E' un evento annuale, organizzato da INSAFE e INHOPE con il supporto della Commissione Europea nel mese di febbraio, al fine di promuovere un uso più sicuro e responsabile del web e delle nuove tecnologie, in particolare tra i bambini e i giovani di tutto il mondo.  

15 gennaio 2019 - incontro della Polizia postale e delle Telecomunicazioni con le classi prime

Safer Internet Day 2019 - materiali relativi all'evento dell'Ufficio Scolastico Regionale

6 febbraio 2018 a Castelnovo Sotto - Resto del Carlino

6 febbraio 2018 - Gazzetta di Reggio

 

Progetto base realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.